Comunicati
altri contenuti
0

Venerdì 29 Gennaio ore 21 – Presentazione della nuova serie della rivista Collegamenti/Wobbly

UnaSelection_229 rivista storica nell’area dei militanti nella lotta di classe che si ispirano all’auto organizzazione, all’autonomia proletaria e all’azione diretta. Nata nel ciclo di lotte dell’inizio degli anni ’70 è stata una voce significativa dell’autonomia proletaria soprattutto dell’area del nord Italia. Prima ciclostilato, autoprodotto dai collettivi milanesi; poi nel 1976 esce come rivista a stampa; chiude la prima serie nel 1982.

Riprende quasi subito con una nuova numerazione e il titolo Collegamenti/Wobbly segnando il passaggio della composizione di classe verso una immanente precarizzazione. La seconda serie chiude nel 1999. Nel 2002 riprende le pubblicazioni con il titolo Collegamenti/Wobbly per una teoria critica libertaria. Questa terza serie chiuderà nel 2008.

Oggi riparte la sfida di produrre dei materiali cartacei di “spessore” che possano essere utili e utilizzabili da quante e quanti per scelta o per necessità si debbano misurare quotidianamente con padroni, capetti, sindacalisti venduti, crumiri e ruffiani.
La serata sarà segnata anche dagli interventi di compagne e compagni che nel territorio bolognese sono attiv@ nelle lotte sociali odierne; un’occasione di confronto e di formazione.

Inizio ore 21.00 Circolo Anarchico Berneri

0

Pensare la mobilità cittadina tra associazionismo e azione diretta

Assemblea pubblica
Pensare la mobilità cittadina tra associazionismo e azione diretta

19.00 Aperitivo libertario
20.00 Assemblea
22.00 pasta veg e non solocm

 

0

Campagna Abbonamenti 2016

abbonamentiÈ aperta la campagna abbonamenti per le seguenti riviste.

Umanità Nova

55 € annuale

35 € semestrale

65 € annuale+ gadget (libri, bandiere, fazzoletti)

80 € sostenitore

90 € estero

25 €,pdf (Novità!). Chi sottoscrive questo abbonamento riceverà ogni settimana Umanità Nova in tempo reale sulla sua casella di posta elettronica in formato PDF (ricordarsi di specificarlo nella causale e di scrivere chiaramente l’indirizzo di posta elettronica).

Gratis per i/le detenuti/e che ne fanno richiesta.

Gratis via mail in formato testo per non vedenti e ipovedenti.

Maggiori dettagli su Umanità nova

Sicilia Libertaria

Abbonamenti annuali

20 € Ordinario

30 € Abbonamento più libro:

da € 30 in su Sostenitore

35 € Estero

10 € Pdf

Abbonamenti gratuiti per i detenuti

Maggiori dettagli su Sicilia Libertaria

A Rivista Anarchica

40 € spedizione in Italia

50 € spedizione all’estero

da 100 € in su sostenitore

Gratuito per i detenuti

Maggiori dettagli su A

Germinal

Maggiori dettagli su Germinal

 È possibile sottoscrivere l’abbonamento presso il Circolo il lunedì durante le cene (h.20.00-23.30) e il giovedì durante l’assemblea di gestione (h.21,30-23,30)

0

Giovedì 24 Dicembre – Cena anticlericale

Ciao! Invece della messa… perché non ci divertiamo?!

Giovedì 24 DICEMBRE ’15

CENA ANTICLERICALE

MENU:

antipasti blasfemi
strozzapreti, suore, papi,…
secondi e contorni sbattezzati
dolci del peccato senza pentimento

SOTTOSCRIZIONE LIBERA LIBERTARIA E SOPRATTUTTO GENEROSA
Prenotazione antispreco obbligatoria 3357277140

al CIRCOLO ANARCHICO C. BERNERI

PIAZZA PORTA SANTO STEFANO 1, BOLOGNA

0

Venerdì 18 dicembre 2015 ore 19 – Di parassiti, di alcuni criminali e di altre questioni. A proposito di Xylella Fastidiosa

Selection_166Cos’è’ il CO.DI.R.O.? Come agisce la Xylella Fastidiosa? Perché la faccenda del disseccamento degli ulivi in Puglia e’ poco chiaro? Quali sono le lotte territoriali che si sono sviluppate in opposizione a tutto ciò? Ne parliamo con alcune compagne del Salento.

19:00 Aperitivo libertario
20:30 Inizio presentazione

0

Mercoledì 16 Dicembre ore 19:00 – Le ragioni per dire No al TTIP

TTLP_RETRO TTLP_FRONTEDi TTIP se ne sente sempre più parlare. Questo trattato di libero scambio e investimento, fra i tanti settori economici, coinvolgerà anche il settore alimentare e noi abbiamo scelto di fare un incontro per capirne di più e per sostanziare il sospetto verso un trattato che UE e USA stanno negoziando in segreto.
Ne parleremo con chi ne sa piu di noi e vorremmo confrontarci con tanti e tante

Rete Eat the rich

19:00 Aperitivo libertario
20:30 Inizio presentazione

0

Venerdi 4 Dicembre – presentazione del libro “Rave new world” con l’autore Tobia D’Onofrio

Rave new world
L’ultima controcultura

Selection_157Nella storia della musica e delle culture giovanili non era mai accaduto che uno stile di vita alternativo venisse vietato dalla legge…

Qual è stata l’ultima controcultura? Come mai dopo la stagione dei rave non si è più affermata una nuova spinta creativa capace di unire migliaia di persone?
Nata negli anni novanta in Gran Bretagna, con un piede nei club e l’altro nell’era cyberpunk, la scena dei rave e del movimento free tekno è stata un’avventura che ha forgiato nei suoi circuiti underground generi musicali innovativi, come hardcore, gabber, jungle, drum’n’bass, grime, dubstep. Nonostante la natura utopica, questo immaginario pirata ha avuto un impatto sulla società tutt’altro che astratto: dalle origini fino agli anni zero si è concretizzato in un crogiolo di istanze politico-esistenziali, unendo spesso trasversalmente, in una danza collettiva, sognatori di comunità liberate, sperimentazione elettronica, lotte per i diritti dei gay ed esperienze dei controvertici.
Questo libro raccoglie le testimonianze e gli spunti più interessanti degli studiosi e dei protagonisti a livello internazionale, offrendo al lettore un’inedita panoramica storica che include le numerose idee realizzate, i punti critici e le possibili prospettive dell’ultima controcultura del mondo.

ore 19 aperitivo libertario
ore 20.30 inizio presentazione

0

Mercoledì 2 Dicembre 2015 – War Against War, Il militarismo greco nell’era di Syriza

Incontro con compagne-i di Xupoluto Tagma (Battaglione Scalzo), un collettivo di Ioannina (Grecia) che lotta per l’obiezione totale alla leva.
Durante la serata saranno presentati due loro opuscoli in inglese: “Guerra alla guerra” del 2011 e l’ultimo sul “Militarismo greco nell’epoca di Syriza”, recentemente presentato al Balkan Anarchist Bookfair di Zadar (Croazia) e al Meeting anarchico Mediterraneo di Atene-Salonicco-Chania.
Si parlerà dell’opposizione al servizio militare (che in Grecia è obbligatorio per gli uomini di 18-45 anni), all’esercito e al militarismo, ma anche di cos’è realmente il governo Syrizia-Anel, con le sue politiche militariste e di repressione degli obiettori di coscienza.

Ore 19 aperitivo libertario
Ore 20.30 presentazione e discussione

0

Venerdì 27 Novembre (ore 19.00) presentazione del libro “L’impero virtuale” con l’autore Renato Curcio

ore 19.00Selection_151 Aperitivo libertario
ore 20.30 Inizio presentazione

RENATO CURCIO – L’IMPERO VIRTUALE
COLONIZZAZIONE DELL’IMMAGINARIO E CONTROLLO SOCIALE

Alcune aziende che quindici anni fa non esistevano, come Google e Facebook, oggi costituiscono la nuova e potente oligarchia planetaria del capitalismo digitale. Internet ne rappresenta l’intelaiatura, e i suoi utenti, vale a dire circa tre miliardi di persone, la forza lavoro utilizzata. Le nuove tecnologie digitali fanno ormai parte della nostra vita quotidiana, le portiamo addosso e controllano tutti gli ambienti della vita sociale, dai luoghi di lavoro ai templi del consumo. Questo libro propone una riflessione sui dispositivi attraverso i quali questa oligarchia e queste tecnologie catturano e colonizzano il nostro immaginario a fini di profitto economico e di controllo sociale. E mette in luce il risvolto di tutto ciò, ovvero l’emergere di una nuova e impercepita sudditanza di quel popolo virtuale che, riversando ingenuamente messaggi, fotografie, selfie, ansie e desideri su piattaforme e social-network, contribuisce con le sue stesse pratiche a rafforzare il dominio del nuovo impero. Non conosciamo ancora le conseguenze sui tempi lunghi di questo ulteriore passaggio del modo di produzione capitalistico. Chiara invece appare la necessità di immaginare pratiche di decolonizzazione personale e collettiva per istituire nei luoghi ordinari della vita varchi di liberazione.

Renato Curcio ha pubblicato numerosi titoli, tra i quali ricordiamo qui: Razzismo e indifferenza, Sensibili alle foglie, 2010; con M. Prette e N. Valentino, La socioanalisi narrativa, Sensibili alle foglie, 2012; Mal di lavoro, Sensibili alle foglie, 2013.

0

Venerdì 20 novembre (ore 19.00): presentazione del libro “Gli ammutinati delle trincee” con l’autore Marco Rossi (BFS Edizioni – Biblioteca Franco Serantini)

ammutinatiore 19.00 Aperitivo libertario
ore 20.30 Inizio presentazione

Marco ROSSI
GLI AMMUTINATI DELLE TRINCEE
Dalla guerra di Libia al Primo conflitto mondiale. 1911-1918

La Prima guerra mondiale, spesso definita il tragico atto di nascita del Ventesimo secolo, rimane l’evento storico che ha determinato i traumi, i conflitti, le trasformazioni non solo nella società, ma nella coscienza collettiva e nell’esperienza umana di milioni di persone e, in particolare, dei ceti popolari e delle classi subalterne di ogni paese. Furono infatti queste ultime a pagare maggiormente gli effetti laceranti di quella guerra, voluta dal potere economico, dai governi e dai rispettivi nazionalismi, per affermare un’egemonia imperialista, conquistare territori e incrementare i profitti dell’industria bellica. La Grande guerra rappresenta il naufragio della civiltà moderna, nella quale è coinvolta pienamente l’Italia liberale che già con la spedizione in Libia (1911-12) aveva anticipato eventi, strategie e temi che troveranno un’altra conferma negli anni 1914-18. Non tutti i contadini e gli operai travolti dalla guerra accettarono passivamente di morire – da Tripoli a Caporetto – per interessi e logiche non loro. Prigionieri delle trincee, questi non-sottomessi combatterono una loro guerra dentro la guerra, ammutinandosi agli ordini criminosi dei generali, disertando, dandosi alla macchia, animando rivolte per difendersi da una patria che li mandava al massacro e li voleva assassini di altri sfruttati. Questa ricerca al rovescio vuole dare voce al loro coraggio di restare umani, anche a rischio della fucilazione per disfattismo.

BFS Edizioni – Biblioteca Franco Serantini