27 gennaio: se non ora quando?

Opuscolo sullo sciopero del 27/28 gennaio.
Qualche estratto:
«[…]Il movimento dei lavoratori deve riprendere il mano il proprio destino e lo può fare contando solo su sé stesso. Non ci sono aree politiche, non ci sono governi “amici” che possano sostituire l’autonoma iniziativa delle lavoratrici e dei lavoratori. Un nuovo movimento “dal basso” deve ripartire per aggregare attorno a sé tutta la società degli sfruttati e degli oppressi, aprendo una nuova stagione di lotta che sappia dare un futuro a chi oggi un futuro non ce l’ha.[…]

L’emancipazione dei lavoratori sarà opera dei lavoratori stessi o non sarà!

Se non ora, quando?

Se non noi, chi?»

Scarica, stampa, diffondi!
[download id=”102″ format=”2″]